fbpx

Caos rifiuti, Corcolle sommersa nei luoghi strategici: intasati i canali dell’Aniene

Corcolle immersa nel verde, sommersa dai rifiuti. E quando esonderà l’Aniene, sommersa d’acqua

La situazione di Corcolle è sotto al livello di civiltà di cui ci pregiamo essere culla e portatori. Roma, madre d’Europa, oggi ha un aspetto ben più tetro. Nella periferia est di Roma, nel Municipio VI, la bella e verde Corcolle ospita i canali dell’Aniene, utili quando il fiume sale troppo di livello per evitare esondazioni. I canali, con le idrovore, sono accessibili attraverso una strada sterrata dalla Polense, all’altezza di via Lunano. La situazione a bordo canali non è descrivibile a parole, le foto parlano da sé.

Non sono “zozzoni”, come si dice in questi ultimi anni, né c’è un “complotto” dell’Ama per non far rivincere le elezioni al Sindaco Virginia Raggi, come sostiene l’Assessore ai Rifiuti di Roma, Katia Ziantoni. Qui è in atto un pericoloso crimine ambientale. Non è neppure necessario stare qui a pontificare su quanto faccia schifo tutta questa roba. Pezzi di automobili, motorini, pneumatici, scarti, olii, vernici, agenti chimici e inquinanti d’ogni tipo. Una cosa senza precedenti, forse, di cui tutti sono informati ma nessuno fa nulla.

Le istituzioni sono informate di questo scempio, eppure non si muove un dito. Lontano dagli occhi, lontano dal cuore, questa discarica a cielo aperto che costeggia la stradina adiacente ai canali dell’Aniene non interessa. Ma quando l’Aniene alzerà il suo livello d’acqua, le dighe all’altezza di Villa Adriana e Tivoli si alzeranno per favorire il deflusso d’acqua, cosa succederà? Il canale troverà rifiuti e vegetazione a bloccare il corso normale dell’acqua. E a Corcolle arriverà direttamente quella parte dell’Aniene che, invece, doveva stare nel letto dei canali. Allora, forse, ci ricorderemo che qui, a Roma, a Corcolle, la civiltà è sui libri di storia.

Flavio Quintilli

Flavio Quintilli

Flavio Quintilli, classe ’86. Mi interesso di politica, cronaca e musica. Credo nel valore delle idee e difendo la libertà di poterle esprimere.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *