fbpx

Salone, la conferenza servizi dice no al biodigestore

L’Assessore ai Rifiuti Katia Ziantoni: “Vittoria dei cittadini”. L’impianto Agricola Salone è dichiarato incompatibile con il territorio: nessun biodigestore

casale dell'agricola salone
Il casale dell’Agricola Salone. Fonte: agricolasalone.it

Finalmente è arrivata la notizia che tutto il versante prenestino e collatino aspettavano: la conferenza dei servizi ha dichiarato incompatibile il biodigestore dell’impianto Agricola Salone. A darne l’annuncio, l’Assessore ai Rifiuti di Roma Capitale, Katia Ziantoni: “Gli esiti della VIA (Valutazione Impatto Ambientale) confermano le evidenze urbanistiche e vincolistiche di un’area tutelata – ha dichiarato sulla propria pagina Facebook Ziantoni – dove la società Salone avrebbe voluto realizzare un impianto di digestione anaerobica dei rifiuti di 75mila tonnellate annue”.

Il 24 aprile scorso, presso il cortile antistante la chiesa di Colle Monfortani, i cittadini si erano dati appuntamento per organizzarsi contro quella che sembrava ormai cosa fatta: la creazione di un biodigestore sulla Prenestina, tra Colle Prenestino e Colle Monfortani. Grandi assenze, soprattutto dalla politica regionale e comunale, e soprattutto una bassissima partecipazione dei cittadini. Forse contrariamente alle aspettative, il biodigestore invece non si farà.

“È una vittoria di tutti i cittadini del VI – prosegue Ziantoni – che si sono affiancati alle istanze e alle osservazioni di Roma Capitale a tutela del paesaggio e delle aree di salvaguardia delle captazioni destinate al consumo umano”.

Per una volta, possiamo dirlo: ottimo lavoro, Assessore Ziantoni.

Redazione

Redazione

Questo articolo rappresenta un lavoro redazionale, costruito da più persone e condiviso da tutti gli autori.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *