fbpx

Tor Bella Monaca, l’R5 si trasforma: il progetto di Montuori

L’assessore all’Urbanistica di Roma, Luca Montuori, presenta il progetto di trasformazione dell’R5, il comparto ERP di via dell’Archeologia, Tor Bella Monaca

via dell'archeologia

L’R5 è il comparto di edilizia popolare in via dell’Archeologia a Tor Bella Monaca. Una zona ad alta densità abitativa, che conta 414 alloggi di edilizia economica e popolare, con oltre 1200 abitanti. L’assessore all’Urbanistica di Roma presenta oggi il progetto “Abitare Tor Bella Monaca”, che Roma Capitale ha proposto aderendo al bando del Ministero delle Infrastrutture.

Il progetto “propone il recupero energetico, tecnologico e il miglioramento sismico di tutti gli edifici – scrive sulla sua pagina Facebook Luca Montuori – Punta a interventi di qualità e senza consumo di suolo per forme innovative di abitare, secondo i principi adottati dall’Unione Europea e il modello urbano della città intelligente, inclusiva e sostenibile”. Andando più nel merito, Montuori spiega che “è previsto il miglioramento di almeno due classi energetiche”. Questo attraverso soluzioni “tecnologiche” che, secondo Montuori, sarebbero “facilmente attuabili e a basso costo”.

In particolare, la trasformazione più radicale interesserà il piano terra e il primo piano su via dell’Archeologia: “Una riqualificazione più radicale – prosegue Montuori – mirata a diversificare le funzioni e donare nuova vitalità anche attraverso l’acceso agli edifici direttamente dalla strada”. Questo messaggio così criptico non viene però esplicitato ulteriormente.

Tra le opere previste: “allargamento dei marciapiedi, realizzazione di nuove piste ciclabili e – conclude Montuori – oltre la metà della superficie totale dell’area di progetto sarà dedicata a funzioni di socializzazione attraverso l’inserimento nello spazio pubblico di playground, aree per la sosta e spazi verdi attrezzati”.

La Redazione

Redazione

Redazione

Questo articolo rappresenta un lavoro redazionale, costruito da più persone e condiviso da tutti gli autori.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *