fbpx

Torre Angela, altalene senza altalene al Parco ex Conti

La denuncia di Dario Nanni, consigliere del gruppo misto al Municipio VI: “A Torre Angela, al parco Conti, un nuovo gioco, altalene senza altalene”

Altalene senza altalene al parco ex Conti di Torre Angela
Altalene senza altalene al parco ex Conti di Torre Angela

Il parco ex Conti di Torre Angela è un parco molto discusso. Fu intitolato alla memoria di Alessandro Conti, bambino di 9 anni ucciso da un’auto pirata. Nel 2011, a causa del degrado, i genitori di Alessandro chiesero e ottennero la rimozione della targa che intitolava il parco al figlio. A 10 anni di distanza, il degrado non si è arrestato. La denuncia arriva da Dario Nanni, consigliere del gruppo misto al Municipio VI.

“In questi anni pensavo di averle viste tutte – dichiara a mezzo stampa Nanni – ed invece ogni giorno ce n’è una nuova. Oggi durante un sopralluogo al Parco Conti a Torre Angela, abbiamo visto un nuovo gioco: le altalene senza le altalene”. Ironia a parte, vedere le foto di un parco abbandonato è sempre di una tristezza immensa. “In pratica – prosegue Nanni – sono state montate le strutture in ferro di alcune altalene senza i seggiolini e le corde. Vi lascio immaginare lo stupore e i dubbi dei bambini che le guardavano e non riuscivano a capirne il senso”.

Purtroppo per i bambini, il senso è sempre lo stesso: degrado e abbandono. Nanni incalza, ironicamente, paragonando questi giochi all’arte contemporanea: “Più che altalene sembrano opere scultoree in ferro d’arte post-moderna. Dopo anni di chiusura – conclude Nanni – aver riaperto il parco in queste condizioni è assurdo e offensivo alla memoria di Alessandro Conti. Infatti, oltre all’indisponibilità delle altalene, il parco è in uno stato pietoso tanto che sembra una via di mezzo tra una savana e una discarica”.

La Redazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *