fbpx

Sottopasso Metro C Torre Gaia – Tor Bella Monaca abbandonato dal Municipio VI

Il sottopasso è di competenza del Municipio VI, che lo ha abbandonato all’incuria e al degrado: la denuncia di Fratelli d’Italia

Sottopasso Metro C Tor Bella Monaca - Torre Gaia
Sottopasso Metro C Tor Bella Monaca – Torre Gaia

Il sottopasso della Metro C che collega Tor Bella Monaca, altezza via Aspertini – via del Fuoco Sacro con la stazione Torre Gaia sulla Casilina, è abbandonato al degrado più totale. La competenza è del Municipio VI, che negli anni però non ha mai deciso di fare nulla. La denuncia arriva da Fratelli d’Italia, in particolare da Pietro Dominici – presidente del circolo “Obiettivo Roma” – e da Nicola Franco, capogruppo FdI in Municipio VI.

“Abbiamo raccolto delle segnalazioni da parte dei cittadini – ci ha detto Pietro Dominici – che ci hanno fornito un quadro raccapricciante di questo sottopasso. Per questo, io e Nicola Franco siamo venuti qui in sopralluogo, per toccare con mano il degrado”. Purtroppo, i sottopassi della Metro C sono un punto di costante degrado. Pensiamo a quello di Torre Angela, per esempio, invaso di siringhe, bottiglie di birra e spazzatura varia. Per mesi, anni, il Municipio VI scaricava la responsabilità sulla competenza di Atac, che la gestione delle stazioni Metro; a sua volta, Atac diceva che la competenza è del Municipio. Questa volta, però, sappiamo per certo che il sottopasso Tor Bella Monaca è competenza del Municipio VI.

“È vergognoso che i sottopassi della Metro C siano completamente abbandonati dal Municipio VI”, dichiara Nicola Franco, capogruppo di FdI, raggiunto telefonicamente. “Il Presidente Romanella – prosegue Franco – invece di andare in altri Municipi a cercare lo sporco, farebbe bene a mettere il naso fuori casa, sul territorio che dovrebbe amministrare, lui assieme alla sua maggioranza”.

Il degrado è figlio di anni di abbandono. “Addirittura c’è una telecamera – ci dice ancora Nicola Franco – a cui sono stati tagliati i fili. Ma anche se funzionasse, inquadra solo l’esterno, nulla è fatto per il sottopasso in sé. Visto che ultimamente sono stati segnalati anche numerosi furti e aggressioni, deve essere ristabilita la messa in sicurezza”.

Flavio Quintilli

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *