fbpx

Villaggio Prenestino, chiusura scuola Chizzolini per Covid

Questa mattina la circolare: “Disposizione chiusura precauzionale plesso Chizzolini”. Negli ultimi giorni siamo arrivati a 12 classi elementari chiuse

Plesso Chizzolini, foto Google
Plesso Chizzolini, foto Google

A Villaggio Prenestino l’attenzione è altissima. Ci sono arrivate numerose segnalazioni che denunciavano una sorta di focolaio covid nella scuola elementare del plesso Chizzolini. Nonostante le smentite iniziali da parte delle autorità e il tentativo, forse maldestro, di contenere le informazioni all’interno della struttura scolastica, alla fine è stato necessario: la scuola chiude.

16 casi in una sola classe, 12 classi chiuse. Nella notte è stato un tam tam di messaggi e richieste di chiarimenti. La Asl aveva preso in mano la situazione persino facendo tamponi fuori dalla scuola, ma allo stato attuale è evidente che qualcosa è andato storto. Il Municipio VI ha cercato di dare il suo supporto, nella persona dell’Assessore alla Scuola Alessandro Gisonda (M5S), pur non avendo facoltà di intervenire né la competenza per farlo. Subito si è attivato anche Antonio Villino (FdI), vicepresidente della Commissione Scuola, per cercare di trovare una soluzione condivisa.

Chiusa l’attività didattica in presenza

Ovviamente, l’agitazione è alle stelle. Eppure, non manca l’ironia: “Chiedo per conto di un amico… Dopo quante classi in quarantena si chiude la scuola?”. Non è successo dall’oggi al domani alla Chizzolini. Si è voluto nascondere sotto il tappeto un bel problema, che alla fine è esploso. Pochi minuti fa, la circolare della Dirigente Scolastica: “Disposizione chiusura precauzionale plesso Chizzolini”.

La motivazione è semplice: “Dato il riscontro di numerosi casi positivi tra gli alunni e il personale scolastico e per consentire una più approfondita valutazione epidemiologica”. Viene così disposta la sospensione dell’attività didattica in presenza di tutte le classi della scuola primaria e dell’infanzia, attivando al contempo la didattica a distanza, l’ormai famigerata DaD.

Sarebbe interessante cercare di capire le responsabilità di quanto accaduto. I protocolli anti covid esistono e sono applicati, per cui la domanda è lecita: come è stata possibile l’esplosione di un vero e proprio focolaio covid? Sicuramente la Dirigente Scolastica, dottoressa Angela Giuseppina Ubriaco, ha fatto bene a stabilire la chiusura della primaria e dell’infanzia.

Flavio Quintilli

Redazione

Redazione

Questo articolo rappresenta un lavoro redazionale, costruito da più persone e condiviso da tutti gli autori.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *