fbpx

Roghi tossici a Salone, la Lega esulta: “È stata fatta un po’ di giustizia”

Assicurati alla giustizia due abitanti del campo rom di Salone responsabili di alcuni roghi tossici. La Lega esulta: “Giustizia è stata fatta”

Rogo tossico dal campo rom di Salone, fonte: Il Tempo
Rogo tossico dal campo rom di Salone, fonte: Il Tempo

Il quadrante est di Roma è flagellato da roghi tossici, in maniera costante o periodica, soprattutto nei pressi dei campi rom di Salone o Salviati. Chi abita a Ponte di Nona lo sa bene, così come chi abita a Tor Sapienza. I municipi maggiormente colpiti da questa piaga sono quelli orientali della Capitale, più o meno comprendendo il Quarto, Quinto, Sesto e Settimo. Come è tristemente noto, purtroppo, sono soprattutto i campi rom ad essere causa dei roghi tossici.

Questa mattina, “Presso la sesta sezione del Tribunale di Roma, si è tenuta l’udienza a carico di due residenti nel campo rom di via di Salone – dichiarano in una nota congiunta Pamela Strippoli e Maurizio Politi, rispettivamente capigruppo Lega in Municipio VI e Assemblea Capitolina – responsabili di aver più volte dato vita ai tristemente noti roghi tossici che da anni appestano l’aria in quelle zone di Roma”. Il grande impegno profuso per la ricerca di una vivibilità dell’aria non è però della Lega, soltanto, come dichiarano i due consiglieri: “Grazie alla tenacia del presidente del Comitato di quartiere di Ponte di Nona Caop, Franco Pirina – continua la nota – i due sono stati assicurati alla giustizia”.

Assoluto silenzio di Raggi e Romanella

È imbarazzante che la notizia non si sia divulgata più di tanto. Anzi, sembra che il più assoluto silenzio abbia fatto da cornice a quella che è a tutti gli effetti una bella notizia: un primo passo verso una qualità dell’aria più respirabile. L’attacco di Strippoli e Politi va ai vertici delle istituzioni romane. “La giunta Romanella e il Sindaco Raggi, nel completo disinteresse per un Municipio dilaniato dai roghi tossici, non hanno ritenuto opportuno costituirsi parte civile in merito alla vicenda – termina la nota – in compenso chiedono ulteriori fondi da regalare a fantomatiche iniziative per i rom”.

Ancora una volta è mancato il sostegno dell’amministrazione. Tutto è opera di volenterosi e volontari, in particolare Franco Pirina del CAOP, unitamente alla straordinaria caparbietà delle Forze dell’Ordine. “Giustizia è stata fatta – concludono laconicamente Strippoli e Politi – Mancano pochi mesi alla fine del mandato, una volta mandata a casa l’armata Brancaleone a cinque stelle potremo finalmente affrontare in modo risolutivo il tema dei campi rom”.

Flavio Quintilli

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *