fbpx

Borghesiana, biblioteca chiusa da 8 mesi. Nanni: “Dei lavori non si sa nulla”

La biblioteca di Borghesiana chiusa per lavori da 8 mesi. Dario Nanni ha presentato un’interrogazione: “Dei lavori non c’è traccia”

Biblioteca Borghesiana chiusa da 8 mesi
Biblioteca Borghesiana chiusa da 8 mesi

La biblioteca di Borghesiana, in largo Monreale, ha rappresentato un luogo di fondamentale importanza per i residenti. Non solo è una delle due biblioteche alle quali si può far riferimento nel raggio di 6 o 7 km (l’altra è quella di Collina della Pace, Finocchio), ma è anche un luogo che ospita iniziative di varia natura culturale per coinvolgere persone d’ogni età. Da ben 8 mesi però, la struttura è chiusa per presunti lavori in corso.

“Sono otto mesi che la Biblioteca Borghesiana è chiusa sulla base di un non ben precisato intervento di manutenzione, ma dei lavori non c’è assolutamente traccia”; a denunciarlo è Dario Nanni, consigliere del VI Municipio del gruppo Misto.

“Da giorni passo davanti la biblioteca ma a Largo Monreale non c’è nessun lavoro in corso, non c’è neanche il cartello che dovrebbe indicare l’intervento di manutenzione da effettuare, con tempi e costi. Uno dei pochi spazi disponibili per lo studio, la ricerca per le iniziative culturali chiuso e indisponibile – prosegue Nanni – negli anni la biblioteca Borghesiana è stata un’enclave culturale, un punto di riferimento per i cittadini del quartiere e di quelli limitrofi”.

Dei lavori non c’è traccia. La biblioteca resta chiusa, ma “Visto che si continua a parlare di lavori – continua il consigliere – ed è chiaro a tutti che in otto mesi la biblioteca poteva essere ricostruita, nei giorni scorsi ho presentato un’interrogazione. Se nei prossimi giorni non ci verranno fornite informazioni precise rispetto agli interventi da effettuare e ai tempi d’intervento mi rivolgerò alle istituzioni competenti. Non si possono privare i cittadini e soprattutto i ragazzi – conclude Nanni – di un servizio così importante per l’incapacità di chi governa e di chi è deputato a far funzionare queste attività”.

Erika Nicole De Bonis

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *