fbpx

Trasporti: Nanni (Misto), rivedere totalmente piano TPL Roma Est

Il quadrante di Roma Est vede in questi giorni dei cambiamenti per quanto riguarda i trasporti pubblici. Per Dario Nanni, consigliere gruppo Misto del Municipio VI, occorre rivedere totalmente il piano TPL

nuove linee bus roma

Ci sono grosse novità nell’ambito dei trasporti pubblici per il quadrante est della Capitale. Nuove linee, linee che modificano la propria tratta. Il tutto, a partire da lunedì 28 settembre, andando a incidere significativamente su molte zone del Municipio VI. Così Dario Nanni, consigliere del gruppo Misto del Municipio VI, si fa portavoce delle istanze giunte da quei territori, che come al solito si sono visti calare dal centro ogni decisione.

“In questi giorni – scrive Nanni in una nota stampa – mi sono arrivate numerose segnalazioni da parte di cittadini, residenti o che lavorano a Roma Est, contrari al nuovo piano di trasporto pubblico locale. Un piano che penalizza gli abitanti del versante Prenestino-Collatino e che non aiuta il collegamento radiale tra Roma Est e la metro C, sulla via Casilina”. Sul portale di Roma Capitale, infatti, si legge “Nuovi collegamenti per i quartieri compresi tra via Collatina e via Casilina”.

In particolare, nasce la linea 045 che collegherà via Ortona de’ Marsi (Castelverde) alla metro C di Grotte Celoni, passando per la stazione di Lunghezza FL2. Modificate poi le linee 042-042P-075-107-113-501-508-555 secondo lo schema che potete leggere di seguito.

nuove linee bus roma est
clicca per ingrandire

Servizi pubblici da ricalibrare con la nuova demografia del Municipio VI

“Tra le tante cose da rivedere ne ricordo alcune – sottolinea Nanni – ripristinare il percorso del 555 con il capolinea a Grotte Celoni, che con il nuovo piano trasporta i cittadini verso Pantano, allontanandoli invece che avvicinarli alla città; realizzare il capolinea dello 055 davanti la stazione Fsi di Ponte di Nona, incentivando l’utilizzo di quella infrastruttura; collegare direttamente con lo 045 villaggio Prenestino alla stazione metro C di via Rocca Cencia, come era previsto; collegare direttamente il versante est con il Policlinico e l’università di Tor Vergata, considerando la presenza di migliaia di studenti che vivono in quei quartieri, nelle residenze universitarie di Ponte di Nona e nei quartieri periferici della Via Casilina”.

Potenziare i collegamenti con le linee metropolitane è essenziale allo sviluppo della mobilità della periferia. Ma, fa bene a ricordarlo Nanni, “La grave situazione della metro C che da almeno tre anni ha superato ogni limite rispetto al numero di viaggiatori trasportati e che quindi andrebbe potenziata aumentando il numero di corse”. Al momento, infatti, viaggiano treni ogni 12 minuti, e ci sono grossi assembramenti sulle banchine e all’interno dei vagoni, in aperta violazione con le norme del DPCM contro il diffondersi del Covid-19.

“Ricordo infine – conclude Nanni – che negli ultimi 15 anni la popolazione a Roma Est è aumentata di oltre 30mila persone e che quindi i servizi pubblici andrebbero ricalibrati e potenziati anche in base a questi dati demografici. A questo punto chiederò la convocazione urgente della commissione mobilità anche per dare la possibilità a comitati e cittadini di esprimere le proprie ragioni, che sono quelle di chi ogni giorno ha a che fare con le criticità del trasporto e anche perché a dispetto di quanto sempre affermato dai 5 Stelle, gli stessi non sono stati neanche ascoltati e in quelle rare occasioni in cui hanno potuto dire ciò che pensavano non sono stati presi in considerazione”.

Flavio Quintilli

Redazione

Redazione

Questo articolo rappresenta un lavoro redazionale, costruito da più persone e condiviso da tutti gli autori.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *