fbpx

A24, la Raggi si accorge che a Roma Est si paga

Il sindaco Raggi, in un post su Facebook dichiara che “il pedaggio sul tratto urbano dell’Autostrada A24 va eliminato”, da e per Roma Est. In 5 anni, se ne accorge ora, a 9 mesi dalle elezioni

svincolo ponte di nona

“Buongiorno principessa!” diceva Benigni ne “La vita è bella”. Oggi è il caso di dire “Buongiorno sindaco!” visto che Virginia Raggi si accorge oggi che a Roma Est si paga il pedaggio dell’A24 per andare e tornare da Roma. Il tratto urbano dell’autostrada, quello per intenderci che va dal casello di Ponte di Nona al Raccordo, è a pagamento. Dice che “va eliminato”, ma lo dice a 9 mesi dal voto. Una coincidenza particolare.

Dario Nanni, consigliere del Municipio VI, da anni impegnato nella lotta alla rimozione dell’odioso balzello, critica la Raggi: “ Sono anni che su questa vicenda presento atti e richieste di documentazione – comunica Nanni in una nota – la Sindaca fino ad oggi non ha detto una parola e oggi come la bella addormentata, probabilmente sollecitata dalla mia intraprendenza ha un sussulto”. Sul tema c’è convergenza di tutta la politica. Anche Fratelli d’Italia, in tempi non sospetti, aveva fatto manifestazioni per chiedere l’eliminazione del pedaggio. Oggi si unisce anche il Movimento Cinque Stelle. Servirà a qualcosa?

La Raggi vuole interpellare il ministro Paola De Micheli, forse auspicando un aiuto dall’alleato di governo PD. Fa sorridere, però, che questo interessamento arrivi così prossimo alle elezioni per il sindaco di Roma. Un interesse interessato, probabilmente. L’unico ad occuparsi di questa vicenda, senza incarichi e senza interesse personale, è probabilmente il signor Paolo Emilio Cartasso, presidente dell’associazione CdQ Case Rosse 2014, vera e propria memoria storica dell’A24 e delle discariche del bacino dell’Aniene.

“La concessione alla società Autostrada dei Parchi – ricorda Cartasso – è in vigore dal 01/01/2003 [durante l’amministrazione Veltroni, ndr] fino al 31/12/2030”. I successivi protocolli d’intesa volevano migliorare la viabilità del tratto urbano, garantendo l’ampliamento delle corsie e favorendo la mobilità tra periferie e centro. A questo serviva il pagamento del pedaggio. Ad oggi, dopo aver incassato milioni e milioni di euro, non abbiamo però visto queste corsie aggiuntive nel tratto urbano. Né, ancora più importante, abbiamo visto muovere un dito per eliminare il pedaggio.

Bene dunque Nanni che sta affrontando politicamente la questione, con interrogazioni e atti portati alla Procura. Male invece la Raggi che si limita a fare proclami su Facebook e che, fattivamente, non ha fatto nulla. Le elezioni si avvicinano.

Flavio Quintilli

Redazione

Redazione

Questo articolo rappresenta un lavoro redazionale, costruito da più persone e condiviso da tutti gli autori.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *