fbpx

Scuole, le regole valgono solo dentro: fuori è il caos. La denuncia di FdI

Le scuole si sono organizzate perfettamente, mentre il Municipio VI non ha saputo aiutare i dirigenti, che sono stati lasciati soli

assembramento fuori scuola ponte di nona

Oggi è ricominciata la scuola dopo una lunghissima interruzione di oltre 6 mesi. Il 14 settembre 2020 potrebbe essere una data storica: ha generato ansie, paure, ma anche speranza e il ritorno alla tanto agognata normalità. Le scuole si sono organizzate per accogliere i ragazzi in completa sicurezza, tra mascherine e distanziamenti. File ordinate e disciplina hanno caratterizzato la giornata degli alunni. Se non fosse che, invece, fuori dai cancelli era in vigore l’anarchia.

La denuncia arriva da Fratelli d’Italia, una cui delegazione ha voluto essere presente al rientro dei ragazzi, tra cui il capogruppo in Regione Lazio, Fabrizio Ghera. Sugli asili nido, l’attacco al sindaco di Roma è un’accusa precisa: “Subito disattese le regole stabilite per l’organizzazione dell’attività negli asili nido della Capitale – scrive Ghera in una nota – L’amministrazione Raggi disfa in corsa quanto previsto dalla normativa e dalle Linee Guida della Regione Lazio e di Roma Capitale. Già saltato l’obbligo del rapporto 7 bambini per una maestra, che leggi e norme indicano come invalicabile, stante l’attuale situazione sanitaria, a garanzia della salute dei piccoli, del personale e delle loro famiglie”.

Fratelli d’Italia: “Un miracolo da parte delle scuole”

La delegazione di Fratelli d'Italia davanti al plesso di via Gastinelli, Ponte di Nona
La delegazione di Fratelli d’Italia davanti al plesso di via Gastinelli, Ponte di Nona

Ghera, assieme al capogruppo di Fratelli d’Italia in Municipio VI, Nicola Franco, questa mattina a Ponte di Nona hanno assistito al rientro a scuola delle elementari di via Gastinelli: “Dentro un comportamento ineccepibile – commentano Ghera e Franco – un vero miracolo d’organizzazione da parte delle scuole. Ma fuori, che disastro. Un assembramento senza regole, con i vigili che non hanno fatto rispettare le norme del distanziamento”.

La disorganizzazione del Municipio VI ha inoltre colpito in modo tremendo il trasporto scolastico. Lo scuolabus ha portato i ragazzi a scuola ma non li ha potuti riprendere perché gli orari erano sbagliati. La scuola di via Gastinelli aveva comunicato gli orari d’uscita provvisori dei suoi alunni al Municipio, il quale non avrebbe comunicato alla gestione del trasporto, che quindi si è attenuta a orari vecchi e, quindi, sbagliati. “I ragazzi e le scuole sono promosse a pieni voti – concludono Ghera e Franco – nonostante gli ostacoli di un’amministrazione Raggi incapace e incompetente, come il ministro Azzolina e tutta la combriccola dei Cinque Stelle. Romani, pazientate ancora per poco: quest’incubo sta per finire e presto torneremo al voto”.

Flavio Quintilli

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *