fbpx

Tor Bella Monaca, largo Mengaroni che disastro. Ma le telecamere?

Non c’è soluzione alla discarica abusiva di largo Mengaroni, Tor Bella Monaca. L’unica possibilità sarebbero le telecamere: che fine hanno fatto quelle promesse dal M5S?

rifiuti di largo mengaroni

Largo Mengaroni peggiora ogni giorno di più. Non è la zona più degradata del Municipio VI. La prendiamo ad esempio, a “modello negativo” semplicemente perché veniamo costantemente aggiornati sulla qualità della vita in questa zona. Ormai è chiaro: l’inerzia dell’amministrazione favorisce la microcriminalità collegata allo smaltimento clandestino dei rifiuti. Dopo anni di immobilismo, nati ben prima di Raggi e del M5S, è troppo chiedere qualcosa alla politica?

Nel programma delle elezioni amministrative di Roma del 2016, il Movimento Cinque Stelle prometteva delle “telecamere”. Che fine hanno fatto? Non si sa. Sparite, non se n’è mai fatto nulla. Eppure, soltanto le telecamere potrebbero controllare quanto succede in alcune di queste sacche di degrado. Non può esistere un occhio umano vigile in largo Mengaroni, è evidente che occorra l’occhio meccanico. La conformazione stessa della piazza favorisce lo scarico di rifiuti dove nessuno vede.

Certo, è vero: qualcuno vede e fa finta di non vedere, per paura di ripercussioni. Ci sono magazzini di stoccaggio rifiuti negli spazi vuoti dei parcheggi sotto i palazzi: ci sono arredi completi presso i cassonetti. Un rifornimento degno di Ikea. Divani, letti, frigoriferi, cucine complete, camere: cosa vi serve? C’è tutto. Tranne lo Stato.

Flavio Quintilli

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *