fbpx

Rocca Fiorita, 250 firme per mettere in sicurezza via San Biagio Platani

Pietro Dominici è il promotore della raccolta firme per la messa in sicurezza di via San Biagio Platani, rettilineo su cui sfrecciano automobili oltre i 100 km/h

Lo sdoppiamento della carreggiata in via San Biagio Platani
Lo sdoppiamento della carreggiata in via San Biagio Platani

Rocca Fiorita è il nome del piano di zona, secondo legge 167/1962, compreso tra Valle Fiorita e Due Leoni. La sua strada principale, via San Biagio Platani, è in buona sostanza un lungo rettilineo su cui automobilisti pirati sfrecciano a grande velocità, incuranti della vicinanza con la scuola e degli attraversamenti pedonali. I residenti lamentano da tempo la condizione di insicurezza della strada, tanto per i pedoni quanto per gli automobilisti civili. Ricordate il terribile incidente del 16 gennaio scorso? Per fortuna non ebbe conseguenze letali, ma non si può sempre aspettare il morto per intervenire.

Pietro Dominici, residente del quartiere, ha deciso di ribellarsi all’immobilismo, lavorando fianco a fianco con il comitato di quartiere di Belvedere: “In appena due settimane abbiamo raccolto circa 250 firme per chiedere a questa amministrazione la messa in sicurezza di via San Biagio Platani in prossimità delle scuole – ci ha raccontato il signor Dominici – La pericolosità della confluenza della doppia carreggiata in una sola carreggiata a doppio senso di marcia è molto alta, visto che come si può vedere le automobili vanno molto veloci e sfiorano gli alberi a bordo strada”.

Concludere il progetto del piano di zona Rocca Fiorita

Parco di via Erice
Parco di via san Biagio Platani

Piccolo appunto: il Movimento Cinque Stelle aveva promesso in campagna elettorale la realizzazione dei dossi su questo tratto. La popolazione, giustamente, si aspettava i dossi, che invece non sono previsti dal Regolamento di Roma Capitale. Allora, Pietro Dominici propone una soluzione lineare: “Portiamo a conclusione quanto previsto dal progetto di Rocca Fiorita: doveva esserci una strada, qui dove ci sono ancora i lavori di sbancamento, di una strada che doveva sbucare su via Santa Rita da Cascia, parallela a via Villabate. Il problema di viabilità che abbiamo oggi non era previsto dal progetto iniziale. Anzi, molte attività commerciali hanno chiuso o non sono mai state aperte proprio perché Rocca Fiorita è stata fatta diventare un dormitorio”.

È chiaro che Pietro Dominici non vuole fermarsi a via San Biagio Platani. “Intanto iniziamo a pungolare l’amministrazione per quanto riguarda la messa in sicurezza della strada, che è di vitale importanza. Poi dobbiamo tornare a chiedere una riqualificazione del parco, che in origine doveva essere un Punto Verde Qualità, oggi completamente abbandonato, e a chiedere l’ipotesi di riaprire i lavori per la strada di collegamento con via Santa Rita da Cascia”.

Flavio Quintilli

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *