fbpx

Lavoratori sanitari e premio Covid: “una mancetta”

La denuncia è di LAES Lazio (Lavoratori Emergenza Sanitaria), a seguito dell’erogazione del “premio Covid” e della scoperta di trattenute in busta paga fino al 70%

Immagine realizzata dal gruppo "Laes" Lazio (Lavoratori Emergenza Sanitaria)
Immagine realizzata dal gruppo “Laes” Lazio (Lavoratori Emergenza Sanitaria)

Il “premio Covid” è il risultato di un accordo dell’11 aprile scorso per dare un contributo con fondi regionali alle buste paga dei lavoratori sanitari. Nella busta paga di giugno, gli oltre 13mila operatori sanitari del Lazio avranno un riconoscimento economico di 1000 euro. Bene, direte voi. Peccato che i soldi sono lordi, e le ritenute arriverebbero fino al 70% circa. In pratica, denuncia LAES (Lavoratori Emergenza Sanitaria), “andrà bene se riceveranno 500 euro in più”.

Il gruppo LAES Lazio denuncia l’esorbitante mole di trattenute sulla busta paga, vanificando di fatto il “premio Covid”. Per LAES, “Premio medio da 370 a 500 euro netti: questo è quanto troveranno sulla busta paga alcuni operatori, con un semplice Grazie Eroi a seguito”, bollando il premio Covid come “una mancetta”. E attacca il presidente della Regione Lazio, nonché segretario del Partito Democratico, Nicola Zingaretti, al quale rivolge una pesante accusa: “Viviamo un momento surreale, ma c’è  qualcuno ancora su issati sgabelli traballanti che piange lacrime di  coccodrillo, incassando democraticamente uno stipendio ben retribuito lordo mensile di circa 14.000 €”.

Per LAES, “Cinquant’anni dopo, i diritti garantiti dallo Statuto dei Lavoratori sono ancora in vigore, ma in un mondo del lavoro completamente cambiato: sono sempre meno coloro che ne godono appieno, sotto false promesse e nuovi inganni quotidianamente. Se l’esplosione dell’emergenza sanitaria ha avuto una pronta risposta da parte delle strutture sanitarie regionali, è grazie alla professionalità all’impegno estremo di tutti i lavoratori della Sanità nel Lazio”.

La Redazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *