fbpx

Tor Vergata, vita da volontario: Franco e l’area verde adottata

Nemmeno il Coronavirus ferma i volontari, quelli veri. Autorizzazione alla mano, Franco cura l’area verde in via della Tenuta di Torrenova

Franco Di Girolamo al lavoro per tagliare l'erba ai tempi del Coronavirus
Franco Di Girolamo al lavoro per tagliare l’erba ai tempi del Coronavirus

Franco Di Girolamo è un volontario di quelli veri, di quelli che nemmeno il Coronavirus riesce a fermare. Per tre anni ha lavorato sull’area verde di via della Tenuta di Torrenova, in zona Tor Vergata, che era malmessa e abbandonata dal Campidoglio e dal Municipio. “Essere volontario è manutenere quel che il comune non riesce a fare – ci spiega Franco che, nonostante il grande impegno profuso, resta di un’umiltà disarmante – per non mandare al degrado il quartiere in cui vivi”.

Ma essere volontario è anche essere esempio. Infatti, “quando mi vedono lavorare qui in quest’area – continua Franco – le persone si avvicinano, si offrono di aiutare, lavorano insieme a me”. È partecipazione al bene comune.

Nemmeno il Coronavirus può fermarlo

Franco Di Girolamo
Franco Di Girolamo

Se il Coronavirus ci ha bloccato tutti, come fa Franco Di Girolamo a continuare la sua attività di volontario? Quasi tutte le sigle di volontariato delle aree verdi sono ferme a causa delle restrizioni contro il Coronavirus, invece Franco no. Infatti, Franco ha ricevuto le autorizzazioni ufficiali per poter proseguire la sua opera. Un documento ufficiale che viene direttamente dal Dipartimento Tutela Ambientale del comune di Roma: “Attestazione utile per la prosecuzione della manutenzione ordinaria del verde orizzontale nelle aree di Roma Capitale manutentate da Comitati, Associazioni ed altri”, si legge in oggetto al documento datato 8 aprile 2020.

L’atto emesso dal Dipartimento prosegue poi nel fornire la giustificazione utile a Franco, il quale ha necessità di recarsi nell’area adottata “al fine di non vedere vanificato il lavoro svolto fino alla emanazione dei numerosi DPCM inerenti il contenimento e la gestione dell’emergenza epidemiologica da COVID – 19”.

L'area verde di via della Tenuta di Torrenova, tra i civici 54 e 110
L’area verde di via della Tenuta di Torrenova, tra i civici 54 e 110

Con questo documento, il Coronavirus è messo all’angolo, almeno per quanto riguarda il volontariato. È un segno di vittoria, seppur ci piacerebbe vedere questa malattia definitivamente sconfitta. Ma noi, che siamo inguaribili romantici, ci accontentiamo di vedere Franco al lavoro, con la passione che lo contraddistingue da anni per il bene comune.

Daje Franco, daje!

Flavio Quintilli

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *