fbpx

Collina della Pace, Nanni: “Centro Anziani di Finocchio è fotografia di questi anni a 5 Stelle”

Dario Nanni (Misto) commenta sarcasticamente le vicende del centro anziani Pierino Emili di Finocchio

centro anziani di finocchio resta a collina della pace
Una delle riunioni del centro anziani Pierino Emili di Collina della Pace per organizzare la difesa del centro

Durante il Consiglio odierno (16 gennaio), Dario Nanni (Misto) prende la parola per parlare del caso del centro anziani di Finocchio. “Dopo aver provato in tutti i modi a cacciare gli anziani dal luogo in cui stavano, scatenando una battaglia termonucleare che è diventata una vera e propria guerra civile all’interno di quel quartiere tra alcuni dei loro militanti e i cittadini, il risultato finale di tutto questo è che il Consiglio di Stato ha deciso che gli anziani devono restare lì”.

Per tre anni il M5S ha tentato ogni strumento per cacciare gli anziani. Il risultato? Soldi pubblici buttati, tra avvocatura capitolina e lavori di manutenzione straordinaria ai locali del vecchio centro anziani di via Massa Silani (80mila euro): chissà a cosa serviranno ora!

“Quindi dopo 2 anni di caos, offese, insulti – continua la nota di Nanni – come al gioco dell’oca si riparte dal via, un organo terzo, giudiziario-amministrativo ha stabilito che gli anziani devono stare lì. A più riprese gli ho ricordato che chi governa ha il compito di risolvere i problemi non di crearli”.

Anche Valter Mastrangeli, capogruppo Lista Marchini, ne approfitta e chiede parola, rivendicando il lavoro svolto nella precedente amministrazione: “Sono l’unico della vecchia consiliatura – spiega Mastrangeli – oggi presente ad aver contribuito con il mio lavoro a spostare gli anziani a Collina della Pace. Hanno detto agli anziani che erano abusivi per anni, hanno insultato e offeso il sottoscritto e altri per aver favorito l’illegalità e che loro, il M5S, erano la legalità. Ora che dicono? Ora che è certificato che era tutto regolare, cosa dicono? Vorrei delle scuse, sia nei miei riguardi che verso gli anziani”.

“Questa vicenda – conclude Nanni – è la cifra di questi anni di governo 5 Stelle, arroganza, presunzione, incompetenza e la gestione della cosa pubblica nell’interesse di qualche supporter, ma questo i romani lo ricorderanno perfettamente quando verranno chiamati a decidere”.

La Redazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *