Tor Vergata, case ISVEUR affogano nel degrado senza riscaldamenti

Gli inquilini esasperati bloccano via della Tenuta di Torrenova con i secchioni delle palazzine per protestare contro il Municipio

targa isveur

Le case ISVEUR (Istituto per lo Sviluppo Edilizio e Urbanistico) di Tor Vergata, in via della Tenuta di Torrenova 120, sono senza caldaia da oltre un anno e mezzo. “Il Municipio lo sa, ma ci prendono in giro”, commenta Marco Follieri, un inquilino delle palazzine popolari. Già l’anno scorso era stata segnalata la caldaia rotta, infatti, ma poi con l’arrivo della primavera il problema è passato in cavalleria. E ora, a farne le spese, sono le persone più fragili. “Io sono cardiopatico – spiega Franco Giovagnori, un altro inquilino – soffro di attacchi epilettici e ho in casa una nipotina di 10 mesi. Come faccio senza riscaldamenti?”

Franco non è l’unico caso. Ci sono molte persone con disabilità al 100%, e sono centinaia le famiglie che abitano il complesso di via della Tenuta di Torrenova 120, dalla scala A alla scala L. La caldaia, a detta degli inquilini, sarebbe bucata e andrebbe sostituita.

blocco strada via della tenuta di torrenova

È quando però che gli inquilini ci fanno fare un giro per il comprensorio che capiamo la gravità della situazione. Ci sono perdite d’acqua, anche di acque nere che formano pozze di liquami in prossimità di giochi per i bimbi, ci sono intonaci che cadono a pezzi. Cominciamo dunque a capire perché gli inquilini, esasperati, hanno deciso mercoledì 20 novembre di occupare via della Tenuta di Torrenova posizionando i secchioni dell’immondizia in mezzo alla strada.

Il blocco del pubblico servizio ha allertato immediatamente le Forze dell’Ordine, intervenute nel giro di pochi minuti. Gli inquilini sono stati ascoltati, calmati, e poi fatti ricevere dal Presidente del Municipio VI, Roberto Romanella. “Siamo stati ricevuti d’urgenza – spiega Marco Follieri – ci ha promesso un intervento entro 20 giorni. Staremo a vedere”.

liquami scuri

La Redazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *