Raggi, a Roma niente presepe. Per fortuna c’è Azione Frontale

Terzo anno consecutivo: a Roma niente presepe. La Raggi si occupa (male) dell’albero ma tralascia il vero simbolo del Natale

Azione Frontale a Roma, Piazza Venezia, porta il Presepe. Alla faccia del Sindaco Raggi che per il terzo anno consecutivo si dimostra un po’ come il Grinch e rifiuta il presepe.

Il Natale è la celebrazione della nascita di Gesù Cristo. Quindi il suo simbolo è il presepe, con la Sacra Famiglia e la scena della Natività. Invece le tradizioni si sono perse, in nome del capitalismo consumistico di plutocratica memoria, e si associa il Natale all’albero.

Ma poi st’abete da dove deriva? Perché non un pino o una quercia o un frassino di cui l’Italia è piena? Semplice. L’abete è tipico delle foreste dell’Europa settentrionale. Infatti è un simbolo pagano che le grandi élite cosmopolite hanno deciso di farci avere come modello natalizio.

Per fortuna c’è Azione Frontale. “Anche quest’anno abbiamo portato il Presepe a Piazza Venezia, simbolo solenne della nostra tradizione e cultura – si legge in un comunicato – Dispiace tanto che, anche per questo Natale, chi amministra questa magnifica città si sia rifiutato ancora una volta di dare il vero e giusto significato a questa festività”. 

L’albero è il simbolo del regalo sotto di esso. È la catena che ci costringe a fare i regali più costosi, è la bugia di un Natale povero come quello di chi nasce in una capanna.

” Siamo onorati di portare il Presepe nel cuore della nostra città e di dare un segnale forte e chiaro di cosa sia il Natale. Lasciate ogni speranza voi senza tradizione!”.

Fate il presepe!

 

La Redazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *