L’islam uccide ancora. Ucciso in Niger un sacerdote cattolico. Silenzio da Chiesa e Occidente

Questa notte, tra 17 e 18 settembre, è stato ucciso padre Pierluigi Maccalli dopo essere stato rapito da presunti jihadisti. I terroristi provengono dalla zona del Mali e del Burkina Faso

Foto archivio
RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA/ANSA

L’islam uccide. La “religione di pace e amore” uccide ancora. Questa volta la vittima è un sacerdote cattolico, padre Pierluigi Maccalli della Società delle Missioni Africane (Sma). Nulla fa immaginare che sia l’ultimo martire “silenzioso” dei nostri tempi.

Già, perché la morte di un cristiano non fa notizia. Un cristiano può morire. I caschi blu dell’Onu si preoccupano del presunto razzismo in Italia ma tollera la morte dei cristiani per mano dell’islam. Il Niger non è tra le nazioni con il più alto tasso di uccisioni di cristiani.

Oltre 215 milioni di cristiani perseguitati nel mondo

Secondo il rapporto annuale di “Aiuto alla Chiesa che soffre”, la onlus che stila le persecuzioni ai danni dei cristiani dal 1947 a oggi, la situazione è in peggioramento. Le nazioni che più perseguitano i cristiani sono la Nigeria, il Sudan e l’Eritrea in Africa, seguite dall’Egitto. In Asia minore si registrano forti persecuzioni e limitazioni dei diritti fondamentali in Arabia Saudita, Iraq e Siria, seguita da Iran e Turchia – la stessa che si vorrebbe far entrare in Europa. In Asia sono il Pakistan, la Cina e la Corea del Nord a tenere la testa, seguite dall’India.

Il rapporto Open Doors del 2018 certifica un numero spaventoso: oltre 215 milioni di cristiani perseguitati nel mondo. Una persecuzione che si è via via allargata a livello geografico e numerico, e che non sembra intenzionata a diminuire. In termini percentuali parliamo di un cristiano perseguitato su 12, ovvero l’8,6% dei cristiani nel mondo.

Foto archivio RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA/ANSA

3060 cristiani uccisi, 1922 incarcerati, 793 chiese danneggiate o distrutte. Sono queste le cifre che hanno interessato il periodo compreso tra novembre 2016 e ottobre 2017. A livello geografico possiamo escludere persecuzioni in Europa e America. In Africa la persecuzione cristiana interessa 81 milioni di fedeli, pari al 12,5% dei cristiani africani. In Asia la situazione peggiora ancora, con il 25% dei cristiani perseguitati.

Per questo purtroppo non c’è sorpresa dell’ennesimo martire cristiano, padre Pierluigi Maccalli, nato il 20 maggio 1961 a Madignano in provincia di Cremona. Da tempo padre Maccalli stava tentando di evangelizzare i nigerini per contrastare la barbarica pratica delle mutilazioni genitali femminili. Per l’agenzia vaticana Fides questo potrebbe essere il movente principale del rapimento e dell’omicidio.

La Chiesa? L’Occidente? Silenzio.

AGGIORNAMENTO

Il vescovo di Niamey è entrato in contatto con i rapitori quest’oggi. Si attendono sviluppi, questa sera veglia di preghiera alle 21 a Madignano nel cremonese.

 

La Redazione

One thought on “L’islam uccide ancora. Ucciso in Niger un sacerdote cattolico. Silenzio da Chiesa e Occidente

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *