Metro C Roma, chiuse le indagini. Alemanno accusato di truffa, la replica immediata

La Procura di Roma ha chiuso le indagini intorno alla Metro C di Roma. In 25 rischiano il processo per truffa, corruzione e falso. Tra essi è spuntato fuori anche Gianni Alemanno, ex sindaco di Roma e leader del Movimento Sovranista.

Sono contestati ad Alemanno i reati di falso materiale e falso ideologico, oltre alla truffa aggravata. I pm sostengono che Alemanno, insieme al suo Assessore alla Mobilità Antonello Aurigemma, abbia attestato il falso. Per l’ex sindaco di Roma è l’ennesimo attacco. Dopo essere stato prosciolto dall’accusa di finanziamento illecito e essere risultato estraneo ai fatti di Mafia Capitale, questo è l’ennesimo tentativo di affossare il vecchio missino.

Come al solito, quando si tratta di colpire esponenti della destra, ci si dimentica della divisione tra responsabilità politiche e amministrative. E la replica immediata di Alemanno si basa proprio su questo: “Mi si accusa di aver firmato, come capo dell’Amministrazione capitolina, una lettera predisposta dalle strutture tecniche dell’Assessorato alla Mobilità e del Ministero delle Infrastrutture”.

Precisando che un Sindaco non è un tecnico, a che titolo potrebbe un primo cittadino qualsiasi non firmare la relazione tecnica di un ufficio o dipartimento preposto a stilarla? Infatti “il contenuto di quella lettera, che gli inquirenti ritengono non rispondente alla realtà, era una valutazione tecnica su alcune varianti su cui non potevo non affidarmi all’istruttoria preparata dai tecnici – prosegue Alemanno – Basare su questo l’ipotesi di un mio concorso in una truffa è contrario a tutti i principi della pubblica amministrazione che separa nettamente l’indirizzo politico dall’azione amministrativa”.

La richiesta di Gianni Alemanno è fare immediata chiarezza e rendere giustizia al suo nome: “Ho chiesto di essere interrogato dai magistrati per chiarire queste circostanze e chiedere il proscioglimento da un’indagine che non mi riguarda”.

 

La Redazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *