Francia e Spagna contro l’Italia: “Vomitevole atteggiamento sui migranti”. Salvini continua il braccio di ferro con l’Europa

La nave Aquarius non prosegue verso la Spagna perché il viaggio è ritenuto pericoloso. Salvini si offre di farla scortare da motovedette. Nel frattempo la Francia ci insulta e la Spagna ci minaccia. Ma nessuno che si prende i clandestini

La vicenda Aquarius svela un quadro aberrante. L’Europa sta giocando con l’Italia un gioco pericoloso, al massacro. In queste ore non si parla d’altro: la nave deve o non deve attraccare in Italia? Nel frattempo un’altra nave, della marina italiana, sta per arrivare a Catania con quasi mille immigrati clandestini pronti a essere sbarcati.

Il no di Salvini sta facendo impazzire il sistema Europa. Il portavoce di En Marche, il partito del presidente della Francia Macron, insulta l’Italia e gli italiani, con una frase infelice che offende tutta la nostra popolazione: “La posizione dell’Italia sui migranti è vomitevole”. Le isole maggiori dell’Italia sono la Sicilia e la Sardegna. Ma geograficamente c’è anche la Corsica. La buona e generosa Francia può benissimo accogliere gli immigrati in Corsica, se vuole.

Insieme alla Francia c’è la Spagna che ci minaccia. Il ministro della Giustizia parla di “responsabilità penali” per l’Italia. Ci sono dei trattati in nome dei quali l’Europa vuole che ci inginocchiamo. Un’Europa che si sta strozzando con le sue stesse mani.

Non tutti però. C’è anche chi si complimenta con Salvini: è Horst Seehofer, ministro dell’Interno tedesco, che per aver invitato Salvini a Berlino si è beccato il rimprovero di Frau Merkel. C’è una frattura in Europa che sta dividendo in due il vecchio continente: da un lato l’est di Visegrad, dall’altro Bruxelles, le banche e gli speculatori.

La sovranità passa per la Sicilia. La Sicilia deve essere difesa. Abbiamo chinato il capo per troppi anni. Il popolo italiano torni a essere sovrano in Italia.

 

La Redazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *