Natale di Roma per la Raggi: va a un’altra festa e dice che è la sua

L’anno scorso la Raggi aveva festeggiato i “2700 anni di Roma” in un tweet poi cancellato. Quest’anno confonde via Petroselli con il Circo Massimo. Natale di Roma per la Raggi: mai ‘na gioia

“Una festa di strada, condivisa, diffusa, partecipata. È il Natale di Roma che ieri abbiamo festeggiato con migliaia di persone in via Petroselli, a due passi dal Colosseo, che è stata pedonalizzata per l’occasione speciale. Una festa lunga tre giorni”, scrive la Raggi su Facebook. Peccato che la foto non sia in via Petroselli, come dice, ma al Circo Massimo. E peccato anche che lei abbia organizzato una festa in via Petroselli con i soldi pubblici per poi partecipare a quella che ogni anno organizza il Gruppo Storico Romano senza mai ricevere un euro di contributo pubblico.

L’anno scorso Virginia Raggi aveva sbagliato gli anni di Roma. Credeva che fossero 2700 anni e ha dovuto cancellare un tweet. Ma la cosa non sfuggì a Fratelli d’Italia, da sempre radicati in Roma come nessun altro partito. La risposta di FdI fu durissima: “Il sindaco di Roma è l’unico cittadino a non sapere quanti anni compie l’Urbe, ovvero 2770. Fortunatamente per lei il suo cinguettio su Twitter è stato subito cancellato”. Ora che la Città Eterna ha compiuto 2771 anni ha saputo conteggiare ab Urbe Condita, ma non ha saputo geolocalizzare la festa. Della serie “Mai ‘na gioia”.

Anche quest’anno è Fratelli d’Italia a colpire pesantemente. Ad affondare il colpo il neo eletto deputato alla Camera Federico Mollicone in una lettera aperta alla Raggi: “Non è vero che ci sono state 35 mila persone a via Petroselli. Come si vede anche dai video che hai postato ce ne sono state poche centinaia. I romani e i turisti sono stati sì migliaia, ma alla manifestazione del Natale di Roma organizzata da 28 anni (tu sei sindaco da 2) dal Gruppo storico romano”.

Il secondo Natale di Roma sotto l’amministrazione Raggi è andato. L’appuntamento è per il 21 aprile 2019 con una nuova gaffe del sindaco Raggi.

 

La Redazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*