fbpx

Le possibilità di governo si azzerano. Di Maio apre al PD

Dopo un mese ancora nessun governo. Di Maio apre al Pd, Salvini non molla Berlusconi. Meloni intanto cuce il centrodestra e rinsalda l’alleanza: “Non ci divideremo”

Le elezioni del 4 marzo sono passate da un pezzo, ma del governo ancora nessuna traccia. Le percentuali ottenute dal Movimento Cinque Stelle e dal centrodestra non consentono governi che non siano frutto di accordi tra le parti. “Una legge elettorale vergognosa che noi non abbiamo votato – racconta Meloni, leader di Fratelli d’Italia – E che sapevamo ci avrebbe condotto a questo stallo”.

Salvini cerca di aprire a Di Maio, che però non vuole saperne di Berlusconi. Il Pd intanto gongola e se la ride, guardando lo spettacolo e sapendo che tra i due litiganti il terzo gode. E infatti questo terzo può essere il Pd, chiamato in causa più volte da Di Maio: “Mettiamo da parte le asperità – riferendosi al Pd – Per il bene del Paese”. Colto forse alla sprovvista, il Pd si spacca. Per Franceschini è il momento di “riflettere”, mentre per Martina, ministro uscende alle Politiche Agricole e attuale reggente dei dem, è “Apprezzabile il cambio di tono ma il M5S resta ambiguo”.

Di Maio fondamentalmente vuole la poltrona da Presidente del Consiglio. E per farlo sembra essere disposto a tutto. Sa che con Salvini non potrà ottenerla, visto che per il leader del Carroccio “La presidenza del Consiglio spetta al centrodestra”. Ed è sempre Salvini a richiamare lo spettro delle urne: “O si dà un governo all’Italia o si torna al voto”. L’unica possibilità che vede Salvini, fuori dal centrodestra, è il dialogo con il M5S, ribadendo un secco no all’apertura al Pd. Per Giorgia Meloni quella di Di Maio è una strategia: “Tenta di spaccare il centrodestra, solo così può vincere”. Nel centrodestra è proprio la linea di Meloni a vincere, portando una delegazione composta dai tre partiti vincitori senza maggioranza delle ultime elezioni, Lega – Forza Italia – Fratelli d’Italia, alle consultazioni al Quirinale.

Se la partita alla Camera e al Senato è stata decisa in un battibaleno, con l’elezione di Fico e di Alberti Casellati, quella del Presidente del Consiglio rischia di durare a lungo. Magari portando a un governo del Presidente. O anche peggio.

 

La Redazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *