Zingaretti fa la Giunta bis: la Regione Lazio prosegue sulla stessa linea

Il nuovamente Presidente della Regione Lazio Nicola Zingaretti presenta la “nuova” Giunta, con due giorni di anticipo: 9 assessori più se stesso.

Zingaretti tiene per sé la delega alla Cultura, Sport e Giovani. Per Liberi e Uguali niente vicepresidenza ma ci sarà l’Assessore al Lavoro, anche se sul nome ancora non si sono espressi a causa di faide interne: avranno tempo fino a martedì per fare il nome.

La squadra sarà così formata: Massimiliano Smeriglio sarà di nuovo il vice di Zingaretti, con in più la delega alla Formazione, al Programma e coordinatore per le Attività sul Terremoto. Al Bilancio viene confermata Alessandra Sartore. La delega al Turismo e Pari Opportunità Lorenza Bonaccorsi (attuale presidente del Pd Lazio), al Welfare Alessandra Troncarelli, all’Agricoltura Enrica Onorati, alla Sanità Alessio D’Amato, allo Sviluppo Economico Gian Paolo Manzella, alle Infrastrutture, Trasporti, Lavori Pubblici e Piccoli Comuni Mauro Alessandri (sindaco di Monterotondo). Infine la delega a Casa, Urbanistica e Rifiuti va a Massimiliano Valeriani.

La prima assemblea è convocata martedì 27 marzo: “Una squadra solida che unisce esperienze provenienti dalla scorsa legislatura e facce nuove”, dichiara Zingaretti. Mentre dal Movimento Cinque Stelle e da Roberta Lombardi non arriva nessun commento: né un post su Facebook né un tweet. Un silenzio che non è facile decifrare: o forse l’apertura di Zingaretti su alcune posizioni dei Cinque Stelle può essere causa della chiusura delle bocche grilline.

Laconico e deciso nell’opposizione invece Stefano Parisi, che a nome di tutto il centrodestra sentenzia che questa giunta “È in totale continuità con le politiche della scorsa consiliatura e presenteremo quanto prima una mozione di sfiducia per andare al voto”.

 

La Redazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *