Giardinetti, emergenza sicurezza: dieci furti in tre settimane. Fratelli d’Italia: “Ora il Municipio VI intervenga”

Istituzioni assenti a Giardinetti, borgata del Municipio VI chiusa tra la Casilina e viale della Sorbona. Con il favore della notte e la totale mancanza di illuminazione il quartiere è alla mercè dei ladri. Gli abitanti sono esasperati e questa mattina in Consiglio una delegazione ha riportato la situazione

A Giardinetti non importa se è notte o giorno. A Giardinetti, se sei ladro, l’importante è rubare prima che il Municipio mandi una pattuglia. Per tre settimane i ladri hanno fatto il bello e il cattivo tempo: bello per loro, cattivo per gli abitanti, impotenti davanti a criminali e Istituzioni latitanti. “Ci siamo dovuti organizzare tra cittadini – spiega Danilo Di Lorenzo, abitante di Giardinetti – Auspichiamo un intervento rapido del Municipio, anche per evitare situazioni spiacevoli”.

Gomme rubate in via Gallori

In via Gallori l’ultimo caso: quattro ruote rubate a una macchina parcheggiata, e alcuni giorni fa un’altra vettura è finita carbonizzata. Il mese scorso era stato invece vandalizzato il parco di via Santarelli, uno dei due parchi municipali, in cui ad avere la peggio era stata la madonnina. Fratelli d’Italia, immediatamente dopo la vandalizzazione del parco, aveva chiesto e ottenuto d’urgenza una commissione sul luogo. In quell’occasione erano intervenuti i comandanti della Stazione Carabinieri di Giardinetti e della Compagnia Frascati. Entrambi avevano garantito pattuglie, in cambio di alcuni lavori da parte del Municipio per facilitare il controllo del parco da parte degli agenti.

“Un mese fa il Municipio si era fatto carico di un impegno – spiega Nicola Franco, capogruppo di Fratelli d’Italia – Ovvero potare le siepi e gli alberi per permettere agli agenti di controllare dall’esterno eventuali effrazioni. Questo impegno non è stato mantenuto e Giardinetti è diventata terra di nessuno. Non lo accettiamo, non accettiamo più queste continue prese in giro”.

Il Municipio però non ha mantenuto le promesse

Danilo Di Lorenzo, abitante di Giardinetti

Mariano Sciarpelletti, del Comitato di Quartiere di Giardinetti, ricorda al Consiglio la commissione del mese scorso: “Neppure venti giorni fa c’era stata una commissione in cui avevano preso parte i comandanti della Compagnia Frascati e della Stazione Carabinieri Giardinetti. I vari gruppi politici avevano preso l’impegno di installare telecamere, di rimuovere l’immondizia, di potare le siepi e gli alberi. E invece Giardinetti ad oggi risulta esclusa dal piano di manutenzione del verde varato dal Comune di Roma”.

La cittadinanza nel frattempo si è organizzata in forma autonoma, come anticipato da Danilo Di Lorenzo, e tornerà a riunirsi mercoledì sera. Per Massimo Fonti, consigliere di Fratelli d’Italia, “È intollerabile che dopo mesi di segnalazioni da parte dei cittadini l’illuminazione per Giardinetti ancora manchi. Abbiamo già protocollato la richiesta scritta che Presidente e Assessore si attivino presso Acea per ripristinare l’illuminazione a Giardinetti”.

I ladri è evidente che stiano seguendo un “percorso”. Non si sa se siano organizzati in gruppi, tuttavia vengono presi di mira singoli quartieri. Dopo l’ondata di furti nelle scuole di Tor Bella Monaca e delle periferie limitrofe, ora arriva l’ondata a Giardinetti. Probabilmente i ladri cambieranno presto obiettivo, avendolo già di mira da quasi un mese.

Nicola Franco e Massimo Fonti hanno per questo depositato un esposto ai Carabinieri a nome di Fratelli d’Italia. I militari hanno confermato una maggiore presenza e chiedono collaborazione da parte del territorio: “Chiamare il 112 anche solo per segnalare una persona sospetta”. Questo servirà ai militari a circoscrivere le indagini. Allo stesso modo Pamela Strippoli, assieme a Nicola Franco, hanno presentato un’interrogazione al Presidente del Municipio Romanella, per chiedere quali mosse intenda adottare l’amministrazione.

 

La Redazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*